Verso la legalizzazione della canapa industriale in Thailandia

Il governo della Thailandia ha concesso l’uso di canapa con basso contenuto di THC per la produzione di alimenti e prodotti cosmetici. Il segretario per la salute, Dr.Kiattiphum Wongrajit, ha affermato che il Comitato per il controllo degli stupefacenti ha appena deciso di escludere rami, foglie, steli, tronchi, fibre, cortecce e radici della pianta di cannabis dalla lista dei narcotici vietati. Questo elenco copre quasi ogni parte della pianta di cannabis, ad eccezione del fiore, che rimane severamente vietato.

Dire basta alle restrizioni contro steli e tronchi di cannabis consentirà anche alle aziende di utilizzare queste fibre per creare tessuti, indumenti, corde e altri prodotti. La FDA thailandese sta ora lavorando alla stesura di regolamenti mirati, che verteranno anche su semi di canapa, estratti di semi e CBD, e saranno tollerate concentrazioni di THC fino allo 0,2%. Per diventare legge, questi regolamenti devono ancora essere approvati dal ministro della sanità pubblica e pubblicati sulla Gazzetta ufficiale del paese. Qualsiasi azienda che desideri utilizzare materiale vegetale di cannabis deve acquistarlo da un produttore autorizzato, incluse organizzazioni governative e medici, inclusi quelli delle medicine tradizionali.

Post correlati