La legalizzazione della canapa in Messico

Mentre si sta aspettando la legalizzazione della canapa ricreativa, il Messico ha finalmente pubblicato i regolamenti per il settore della cannabis terapeutica, legalizzata nel Pease. Il Ministero della Salute ha, infatti, pubblicato le regole per l’uso della cannabis terapeutica, un passo importante in una riforma più ampia con il fine di creare il più grande mercato legale di cannabis del mondo nel Centro e Sud America.

Le nuove regole stabiliscono che le aziende che vogliono fare ricerca devono ottenere il permesso dal regolatore sanitario messicano, e che andrà effettuata in laboratori indipendenti e strettamente controllati.

Sia i cittadini messicani che gli stranieri sono autorizzati a viaggiare nel paese con i loro prodotti. Questo apre la porta al turismo della cannabis medica, un obiettivo deliberato di questi regolamenti che rispecchia quello che abbiamo visto in alcuni luoghi del sud-est asiatico, come ad esempio in Thailandia.

Sono state stabilite anche le regole per la semina, la coltivazione e la raccolta della cannabis per scopi medici, il che permetterebbe alle aziende di coltivare legalmente la cannabis sul suolo messicano. Le aziende straniere del settore, con sede in Canada e negli Stati Uniti, guardano con interesse agli sviluppi legislativi in Messico. Molte hanno ritardato gli investimenti nel Paese a causa dell’incertezza politica e stavano aspettando la pubblicazione del regolamento finale, che è finalmente arrivato a 3 anni dall’annuncio. La prima importazione di un derivato della cannabis a scopo medico era invece arrivata nel 2015, per una bimba affetta da epilessia farmaco resistente.

 

Post correlati