In America a fine mese si vota la legalizzazione

In America a fine settembre la Camera voterà un disegno di legge sulla legalizzazione della cannabis.

Nonostante la votazione in aula non sia stata ancora programmata, la maggioranza Whip James Clyburn ha detto in un’mail ai membri che la camera dovrebbe adottare la Marijuana Opportunity, Reinvestment and Expungement (MORE) Act durante il mese corrente.

Il MORE Act cancellerebbe il divieto che vige sulla cannabis a livello federale ed eliminerebbe i record di coloro con precedenti condanne per marijuana, imponendo una tassa del 5% sulle vendite, che sarebbero reinvestite nelle comunità più colpite dalla guerra alla droga.

Tale provvedimento creerebbe anche un percorso per il reinserimento per coloro i quali sono stati, in passato, incarcerati per reati legati alla marijuana, oltre a proteggere gli immigrati dalla negazione della cittadinanza e impedire alle agenzie federali di negare benefici pubblici o autorizzazioni di sicurezza a causa del suo uso.

In una lettera alla leadership della Camera all’inizio di agosto, una coalizione delle principali organizzazioni per la politica sulla droga e per i diritti civili, tra cui l’American Civil Liberties Union, NAACP, Human Rights Watch, Drug Policy Alliance (DPA), ha chiesto una votazione di sala sul MORE Act entro la fine di settembre.

Se la Camera approverà il disegno di legge, ci sarà ancora un dubbio sul fatto che il Senato controllato dai repubblicani possa fare altrettanto. Il leader della maggioranza Mitch McConnell (R-KY) è un forte sostenitore della canapa, ma ha mantenuto una ferma opposizione a una più ampia riforma della marijuana.

Anche il presidente Trump ha espresso il proprio sostegno alla proposta.

 

Post correlati

  19 Settembre, 2020

  17 Settembre, 2020

  16 Settembre, 2020