Nutrire la cannabis con l’irrigazione

irrigazione

Il sistema più utilizzato dai coltivatori di cannabis è quello di sciogliere un fertilizzante liquido nell’acqua di irrigazione. È un modo per garantire che le piante ricevano un apporto costante di nutrienti e il modo migliore per nutrire le piante in vaso, poiché la mancanza di spazio e di terreno fa sì che abbiano un apparato radicale più piccolo e meno sviluppato rispetto alle piante che vivono nel suolo. Quando una pianta viene piantata direttamente nel terreno, le sue radici possono diffondersi in tutte le direzioni in cerca di acqua e cibo, cosa impossibile in un vaso.

“I fertilizzanti liquidi contengono sostanze nutritive in forma chimica che le piante possono assorbire direttamente”

La fertilizzazione in irrigazione ha il vantaggio aggiuntivo di poter regolare quali nutrienti e in quale quantità raggiungono la pianta. All’inizio, quando le piantine sono piccole, viene utilizzata una bassa dose di nutrienti di crescita per non danneggiare le radici deboli. Successivamente, man mano che la pianta cresce e diventa più forte, la dose può essere aumentata. Nel momento in cui le piante iniziano a fiorire, la proporzione di nutrienti forniti viene variata cambiando il fertilizzante di crescita con quello di fioritura, poiché aumentano i fabbisogni di fosforo e potassio. Nelle ultime settimane prima della raccolta, il compost viene completamente rimosso e annaffiato solo con acqua, in modo da costringere la pianta a consumare i nutrienti accumulati nei tessuti, a vantaggio del gusto finale delle gemme.

I fertilizzanti liquidi contengono sostanze nutritive in forma chimica che le piante possono assorbire direttamente, a differenza dei fertilizzanti organici solidi, che richiedono i microrganismi nel terreno per abbatterli. Questo ha il vantaggio che sono immediatamente disponibili e lo svantaggio che se applicati in eccesso possono causare una superfertilizzazione molto veloce, danneggiando le piante e le radici nel giro di ore o giorni. Sono pratici, ma bisogna usarli con attenzione; applicarli frequentemente ma misurare bene le dosi. In generale è meglio usare una dose bassa (metà dose indicata in etichetta è quasi sempre sufficiente) in quasi tutte le innaffiature che una dose alta una volta alla settimana. Un altro inconveniente è che il pH dell’acqua di irrigazione deve essere regolato in modo che tutte le sostanze nutritive rimangano a disposizione delle radici. Quando il substrato viene concimato direttamente con concimi organici solidi, è consigliabile anche regolare il pH dell’acqua, ma non è necessario essere così precisi.

Domani un altro pezzo sulla nutrizione delle piante di cannabis.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati