Evja: l’intelligenza artificiale per la canapa

È stato inventato un assistente virtuale che aiuta gli agricoltori ad analizzare i dati della loro coltivazione, ottenendo il massimo dal microclima e potendo intervenire tempestivamente, anche in caso di problemi, per ottenere un raccolto più abbondante e di qualità.

Si chiama Evja, ed è una start up campana che, dopo aver sviluppato un sistema che utilizza l’intelligenza artificiale per migliorare le proprie coltivazioni, ha fatto il debutto nel mercato ortofrutticolo prima di declinare il servizio in una versione studiata appositamente per la canapa.

Il rilevamento avviene attraverso l’installazione di centraline nelle serre, dove vengono rilevate umidità, temperatura e bagnatura della foglia, oltre alla radiazione solare.

I dati climatici vengono incrociati grazie ad algoritmi predittivi e il risultato consente di creare un’agenda utile per gli agricoltori, che sanno in questo modo quando trattare i prodotti, sapendo prima quando ricorrono ad esempio le condizioni climatiche per la formazione di funghi o muffe. Al tempo stesso con questo sistema è possibile suggerire il fabbisogno idrico, e correlare la resa del raccolto in base alle condizioni climatiche complessive.

Ovviamente questo è il sogno di ogni coltivatore di cannabis light. Magari in un futuro ogni grower ne sarà dotato, e si apprezzerà sempre di più la tecnologia anche in ambito agricolo.

Post correlati