Wall Street: le azioni della marijuana hanno raggiunto il massimo storico

marijuana

Il mercato azionario ha un nuovo settore stellare: le compagnie di cannabis. Le loro azioni sono in aumento e dalle aziende farmaceutiche ai produttori di bevande vogliono partecipare.

Per molto tempo, il business della marijuana ha coinvolto angoli bui, sguardi furtivi e boccioli verdi in piccoli sacchetti di plastica. Ma i risultati della ricerca che evidenziano i benefici medici del farmaco e dei prodotti a base di cannabis approvati per uso medicinale e ricreativo in alcuni stati degli Stati Uniti e del Canada hanno conseguenze inaspettate: le aziende di marijuana guadagnano costantemente investitori.

Il mercato sembra promettente: la spesa globale per i prodotti a base di cannabis raddoppierà, raggiungendo i 52 miliardi di dollari entro il 2021, stima BDS Analytics, una società di servizi dati specializzata nell’industria della cannabis.

Le azioni registrano una crescita

A febbraio, la prima società di marijuana è stata quotata in borsa negli Stati Uniti, rappresentando una pietra miliare per l’industria. Da allora, altre società di marijuana si sono quotate nelle principali borse valori insieme ad Apple, Microsoft o Facebook.

Canopy Growth è stata costituita a maggio, seguita a luglio dalla società canadese Tilray, la cui valutazione di mercato è salita dell’800% a 14 miliardi di dollari.

Le azioni di tutte le società quotate di marijuana sono aumentate del 96,56 percento, solo ad agosto. Per fare un confronto, il settore finanziario ha guadagnato l’1,13 percento nello stesso periodo e l’indice S&P 500, che elenca 500 società in 11 settori, è cresciuto solo dello 0,74 percento.

I grandi investitori fiutano la loro opportunità

Le aziende di alcol e tabacco stanno osservando da vicino queste aziende, afferma Stuart Titus, CEO di Medical Marijuana. Constellation Brands, dietro il marchio di birra Corona, ha recentemente investito $ 4 miliardi in Canopy Growth e, all’inizio di settembre, la società di tabacco Altria avrebbe “esplorato le sue opzioni”. Anche Coca Cola ha espresso interesse.

Le aziende di tabacco e alcol vogliono partecipare

Il fattore salute gioca un ruolo importante nella decisione di investire. Alcol, bevande zuccherate e sigarette stanno ottenendo una reputazione sempre peggiore poiché i consumatori si soffermano sempre più sulla loro salute.
Le sigarette erano ovunque nella società americana. Cinquant’anni fa, il 42,4 per cento degli adulti americani fumava. Da allora, la cifra si è più che dimezzata, raggiungendo il minimo storico del 17,8 percento nel 2014.

Questo è il motivo per cui l’investitore di cannabis Alan Valdes afferma che il mercato della cannabis è così attraente per queste società. “Mentre i prodotti legati al tabacco stanno diventando sempre più difficili, la marijuana sta diventando più facile”, spiega. 

Interessati anche i farmaceutici

Anche le aziende farmaceutiche stanno studiando il mercato. Non sorprende, poiché la cannabis potrebbe rappresentare una grossa fetta delle entrate della droga. L’ analista di marijuana medica e CEP Stuart Titus stima che presto il 40 percento di tutte le droghe potrebbe essere sostituito da prodotti a base di cannabis e questo implica una grande resistenza alla legalizzazione tra gli operatori del settore.

Finora, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato solo alcuni prodotti come farmaci. Tuttavia, secondo una recente analisi della cannabis medica, le vendite totali negli Stati Uniti dovrebbero crescere di $ 10 miliardi entro il 2022.

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

Post correlati