Le migliori varietà di marijuana per la depressione

depressione

Quale tipo di marijuana sarebbe il migliore per la depressione ? Come per la maggior parte dei problemi legati alla marijuana, non esiste una risposta semplice. Ma guardando i cannabinoidi e i terpeni che si mostrano promettenti come antidepressivi, puoi almeno ottenere un buon punto di partenza.

Una volta apprese le nozioni di base sulla marijuana e la depressione , è importante dare un’occhiata più da vicino al modo corretto di scegliere e utilizzare i prodotti a base di cannabis e perché i nomi dei ceppi e le classificazioni indica e indica. sativa sono fastidiosi .

Indica o sativa per la depressione

Per decenni, la sottocultura della cannabis ha usato i termini sativa e indica per descrivere gli effetti delle migliaia di varietà di marijuana disponibili in tutto il mondo. Si dice che le varietà Indica siano più morbide e sedative, mentre le varietà Sativa sono più energizzanti, edificanti ed edificanti ; qualcosa come vino rosso vs. Red Bull con vodka.

Ma questo suona più come un sentito dire che come un’informazione basata sull’evidenza. Sebbene la letteratura scientifica riconosca la distinzione da un punto di vista botanico – l’indica è più corta, come un cespuglio con foglie larghe, e la sativa è più alta, dalle foglie strette e meno densa – l’influenza sugli effetti ha più a che fare con gli ingredienti (ad esempio, cannabinoidi e terpeni ), e la ricerca non ha mai trovato una chiara distinzione chimica tra indica e sativa .

Invece di chiederti se dovresti scegliere sativa o indica per la depressione, la cosa migliore da fare è guardare gli ingredienti dei prodotti a base di marijuana che stai scegliendo.

Come scegliere la marijuana per la depressione

In generale, ci sono tre tipi di ceppi di cannabis, o più precisamente, chemovar (varietà chimiche):

  • Tipo I: alto THC – basso CBD
  • Tipo II: Equilibrato. Rapporto 1: 1 di THC-CBD, circa
  • Tipo III: CBD alto – THC basso

I tipi II e III sono meno comuni del tipo I, che è spesso preferito dagli utenti ricreativi. Poiché il CBD può contrastare alcuni degli effetti collaterali del THC e rendere il THC più facile da dosare, i tipi II e III sono spesso preferiti da medici e pazienti. Potrebbero anche aiutare a mitigare l’ effetto bifasico del THC , in cui basse dosi potrebbero aiutare la depressione e l’ansia e dosi più elevate potrebbero effettivamente innescare questi effetti.

Consumando cannabis di tipo II, gli utenti possono provare meno ansia rispetto al tipo I, pur mantenendo i benefici terapeutici del THC. In particolare, quando si tratta di depressione, il tipo III potrebbe essere di particolare beneficio , poiché ci sono prove del potenziale del CBD come antidepressivo .

I migliori terpeni per la depressione

Il prossimo passo è guardare i terpeni e altri cannabinoidi. Secondo la teoria dell’entourage , questi composti potrebbero potenziare alcuni degli effetti terapeutici del THC e del CBD. Quindi, quando scegli i ceppi per la depressione, cerca quelli che contengono cannabinoidi e terpeni che mostrano il potenziale come antidepressivi. Questi includono il cannabinoide CBD e i terpeni linalolo , pinene , limonene e beta-cariofillene.

  • In uno studio condotto nel 2015 ha suggerito che “linalolo e beta-pinene producono un effetto simile a quello degli antidepressivi”.
  • Uno studio del 2019 ha indicato che “il limonene ha avuto un effetto antidepressivo nei topi con stress lieve cronico imprevedibile”. Ci sono anche alcune prove umane preliminari a sostegno di questo.
  • Secondo una ricerca del 2020, “il beta-cariofillene può essere efficace nel trattamento della depressione e delle malattie mentali legate allo stress”.

I ceppi di cannabis hanno tipicamente un terpene dominante con concentrazioni superiori all’1% e alcuni di più con concentrazioni più modeste tra lo 0,1 e l’1%, o alcuni (spesso da due a cinque) terpeni in concentrazioni modeste dallo 0,1 all’1%. Detto questo, i terpeni sono considerati di interesse farmacologico in concentrazioni superiori allo 0,05%, quindi ha senso vedere cifre molto più basse rispetto alle concentrazioni di THC o CBD.

Le migliori varietà per la depressione

I ceppi di marijuana che abbiamo identificato come suscettibili di contenere alte concentrazioni di CBD, insieme a limonene, pinene, linalolo e beta-cariofillene, includono:

Ringo’s Gift : Più rara della maggior parte delle varietà di tipo II e III, questa varietà è tipicamente molto ricca di CBD, povera di THC e può contenere modeste quantità di CBG, insieme a limonene, beta-cariofillene e pinene.

ACDC : Questa varietà ha un profilo simile allaRingo’s Gift(non sorprende dato che è stata utilizzata per allevare questa varietà) con circa l’11% di CBD e l’1,5% di THC. È anche ricco di mircene(sebbene non sia un antidepressivo, è stato dimostrato che è benefico per l’ansia, una condizione strettamente correlata), pinene, beta-cariofillene e limonene.

Harlequin : Una varietà di tipo II pluripremiata,Harlequin ha unamedia del 6,4% di CBD e del 9% di THC. È ricco di mircene, beta-cariofillene e pinene.

Canna Tsu : Proveniente da Cannatonic e Harle-Tsu, questa varietà di tipo III può essere ricca di CBD (7,1%), povera di THC (2%). Inoltre, è spesso ricco di mircene e beta-cariofillene.

Pennywise : Una varietà di tipo II ben bilanciata (9,3% CBD e 9,7% THC). Pennywisepuò essere ricco di mircene, beta-cariofillene e pynene.

Cannatonic : si dice che questa popolare varietà di tipo III sia risultata essere il 22% di CBD in un test (ma questo è molto raro). Ha spesso una concentrazione di THC di circa il 2%. Può essere ricco di mircene, pinene e beta-cariofillene.

Harmony Rose : questa varietà di tipo II meno conosciuta (6,5% THC: 7,5 CBD) è tipicamente ricca diocimenefloreale, oltre a mircene, limonene e beta-cariofillene.

Sour Tsunami : Creato dagli stessi coltivatori diRingo’s Gift, questo tipo III può essere ricco di mircene, terpinolene, beta-cariofillene-eumulene.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati