Cannabis medica: ecco come può essere utile

cannabis medica

In questo articolo vedremo gli usi della cannabis medica per alcune malattie. Appena finirai di leggere l’articolo ti sarai fatto un’idea di quali malattie si possono trattare con la cannabis medica.

Con la legalizzazione della marijuana medica in quasi la metà degli stati americani, sempre più medici si chiedono quale impatto abbia realmente questo farmaco sui pazienti. Vogliono conoscere il suo effetto a lungo termine.

La maggior parte degli studi sulla marijuana medica si concentrano sui danni causati dalla droga. Gli studi sulle sue proprietà medicinali sono minori, nella migliore delle ipotesi in fasi preliminari o osservative.

Cannabis medica: 10 malattie che possono essere trattate con questa pianta

Cannabis medica vs AIDS/HIV

Uno studio ha esaminato 10 fumatori di marijuana sieropositivi, gli scienziati hanno scoperto che le persone che fumavano marijuana mangiavano meglio, dormivano meglio e avevano un umore migliore. Un altro piccolo studio su 50 persone ha scoperto che i pazienti che fumavano cannabis avevano meno dolore neuropatico.

Cannabis Medica vs Alzheimer

La marijuana medica e alcune delle sostanze chimiche della pianta sono state utilizzate per aiutare i pazienti con malattia di Alzheimer ad aumentare di peso e la ricerca ha scoperto che riduce parte del comportamento agitato che i  pazienti possono esibire.  In  uno studio sulle cellule , i ricercatori hanno scoperto che  rallentava il progresso  dei depositi proteici nel cervello. Gli scienziati ritengono che questi depositi possano essere parte di ciò che causa la malattia di Alzheimer, sebbene non sia ancora noto quale sia la causa della malattia.

Cannabis medica vs Artrite

Uno  studio su 58 pazienti che  usavano derivati ​​della marijuana ha scoperto che avevano meno dolore da artrite e dormivano meglio. Un’altra revisione degli studi ha  concluso che la marijuana può aiutare a combattere il dolore causato dall’infiammazione.

Cannabis medica vs Asma

Gli studi sono contraddittori. Alcuni lavori cellulari hanno dimostrato che fumare marijuana potrebbe dilatare le vie aeree, ma alcuni pazienti hanno avvertito una sensazione di oppressione al petto e alla gola. Uno studio sui topi ha  trovato risultati simili.

Cannabis medica vs Cancro

Gli studi sugli animali hanno  dimostrato che alcuni estratti di marijuana possono uccidere alcune cellule cancerose. Altri studi sulle cellule  mostrano che potrebbe fermare la crescita del cancro e ,  con i topi, il  THC, l’ingrediente psicoattivo della marijuana, ha potenziato gli effetti delle radiazioni sulle cellule tumorali. La marijuana può anche prevenire la nausea che spesso accompagna il trattamento chemioterapico.

Cannabis medica vs Dolore cronico

Alcuni studi sugli animali e sull’uomo mostrano che i cannabinoidi possono avere un  “sostanziale effetto analgesico” . Erano ampiamente usati per alleviare il dolore nel 19° secolo. Alcuni farmaci a base di cannabis, come il Sativex, sono in fase di sperimentazione su pazienti con sclerosi multipla e vengono utilizzati per trattare il dolore oncologico. Il farmaco è stato approvato in Canada e in alcuni paesi europei. In un altro studio, che ha incluso  56 pazienti , gli scienziati hanno osservato una riduzione del dolore del 30% tra coloro che fumavano marijuana.

Cannabis medica vs Morbo di Crohn

In  un piccolo studio pilota  su 13 pazienti osservati nell’arco di tre mesi, i ricercatori hanno scoperto che l’inalazione di cannabis ha migliorato la vita delle persone che soffrono di  colite ulcerosa  e  morbo di Crohn . Aiuta ad alleviare il dolore, limita la frequenza della diarrea e aiuta con l’aumento di peso.

Cannabis medica vs Epilessia

L’uso dell’estratto di marijuana medica nei primi studi presso il  NYU Langone Medical Center ha  mostrato una riduzione del 50% della frequenza di alcune crisi epilettiche nei bambini e negli adulti in uno studio su 213 pazienti di recente.

Cannabis medica vs Glaucoma

Il glaucoma è una delle principali cause di cecità. Gli scienziati hanno studiato  l’impatto del THC su questa malattia sul nervo ottico e hanno scoperto che può abbassare la pressione oculare, ma è possibile che si abbassi anche la pressione sanguigna, il che potrebbe danneggiare il nervo ottico a causa della ridotta fornitura di sangue.

Cannabis medica vs Sclerosi multipla

L’uso di marijuana o di alcune delle sostanze chimiche della pianta può aiutare a  prevenire spasmi muscolari , dolore, tremori  e rigidità , secondo le prime fasi  di studi osservazionali , principalmente con animali. Il rovescio della medaglia: può influenzare la memoria, secondo  un piccolo studio su 20 pazienti.

Ti potrebbe interessare anche:

Post correlati