Il CBD: un potente antibiotico ed antinfiammatorio

In Australia è stato scoperto che il CBD è un potente antibiotico in grado di annientare alcuni batteri resistenti: lo hanno dimostrato i ricercatori dell’università del Queensland insieme alla società Botanix Pharmaceutical Ltd, ed i risultati sono stati resi noti durante il congresso dell’American Society for Microbiology.

Nello specifico, è stato scoperto che il CBD è in grado di sconfiggere batteri resistenti della famiglia dei Gram-positivi, come lo stafilococco aureo (che causa anche la polmonite) e l’enterococco faecalis (responsabile di infezioni alle vie urinarie). Poi, oltre a neutralizzare i pericolosi batteri, ha distrutto anche la biopellicola dei microrganismi che, con i medicinali tradizionali, è difficile da eliminare. Rispetto ai normali antibiotici il cannabidiolo si è inoltre dimostrato efficace anche nei successivi 20 giorni, quando i batteri possono opporre resistenza.

Ma non è la prima volta che si fanno esperimenti per testare le capacità antibatteriche della canapa: già nel 2008 uno studio firmato dal Crea-Cin di Rovigo,  dall’Università del Piemonte Orientale di Novara e dalla School of Pharmacy di Londra, evidenziò che i cannabinoidi sono in grado di annientare i batteri dello stafilocco. Fra le ricerche recenti sulla cannabis, quella dell’Università del Quennsland si è dimostrata una delle più innovative dato che ha trattato il tema dei batteri.

KNOWLEDGE

90%

speach

67%

looks

60%

82 Excellent

Summary

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras vulputate pellentesque mi in lobortis. Nam at mauris ac nibh porttitor sodales. Nunc eget viverra nunc, sollicitudin

Post correlati