Bioedilizia: arrivano i mattoni di canapa

Al fine di ridurre il grosso impatto ambientale che l’uomo comporta all’ambiente, è necessario trovare il modo di avvicinarsi il più possibile ad uno stile di vita eco-sostenibile e rinnovabile. Tutto ciò dev’essere applicato in ogni settore, proprio come sta accadendo nell’ambito delle costruzioni.

La bioedilizia è un metodo che si sta espandendo sempre di più, per far fronte ai grandi problemi legati al troppo consumo e al maltrattamento del pianeta da parte dell’uomo. I mattoni di canapa, o biomattoni, rappresentano una rivoluzione nel campo delle costruzioni.

Ciò che non tutti sanno, però, è che in realtà i biomattoni esistono fin dall’epoca degli antichi romani. Sembra assurdo, ma essi sono riusciti a realizzare dei mattoni fatti di calce e canapa per costruire tantissimi edifici che, col passare degli anni, si sono rivelati tra i più resistenti in assoluto

Scegliere questi mattoni per realizzare delle nuove costruzioni, non solo vorrà dire ottenere una struttura estremamente resistente, in grado di affrontare il passare degli anni, le intemperie climatiche e i cambiamenti repentini del ambiente. Significherà anche schierarsi dalla parte della natura, promuovendo la nascita di un mondo più pulito e vivibile.

I biomattoni di canapa rispettano l’ambiente sia dopo la costruzione, sia al momento della produzione, in quanto questa avviene attraverso dei processi semplici e naturali. Vengono composti estrapolando il nucleo legnoso della pianta di canapa e inserendolo all’interno di un contenitore con acqua e calce. Dopo la lavorazione questi diventeranno dei mattoni resistenti e duraturi.

Ci sono davvero tantissimi vantaggi che portano a scegliere l’utilizzo dei mattoni di canapa e calce per le nuove costruzioni. La pianta di canapa infatti necessita tra le coltivazioni più semplici dell’intero mondo vegetale, ed è in grado di nascere e crescere in tempi davvero rapidi. Serve poca acqua, e raramente subisce attacchi di insetti e parassiti. Per questo motivo, il bio-composto di canapa e calce, è perfetto per sostituire materiali come il cemento, il legno, il vetro e molti altri, in quanto è esente dal pericolo di muffe, e non attira insetti.

Il nucleo della pianta di canapa inoltre, è ricco di silice, e quindi ha una grossa resistenza al fuoco. I biomattoni sono anche in grado di resistere maggiormente agli attacchi sismici rispetto ai mattoni normali, tanto che l’ENEA (Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica), sta progettando un kit anti-sismico con dei pannelli fatti proprio in fibra di canapa. Oltre a questo, i mattoni di calce e canapa hanno una sorprendente capacità isolante, e quindi consentono di vivere in un ambiente caldo e poco umido.

L’aspetto più importante di tutti però, senza nulla togliere agli altri, è che la pianta di canapa, per tutta la durata della sua vita, assorbe costantemente il biossido di carbonio che circola nell’aria. Inoltre produce grandissime quantità di biomassa che si disperdono nell’ambiente, e lo rendono più pulito.

KNOWLEDGE

90%

speach

67%

looks

60%

82 Excellent

Summary

Post correlati